Pagine

sabato 29 aprile 2017

Oggi scrivo

della mia difficoltà a interagire con i soggetti che mi molestano, nel senso più ampio del termine, della mia difficoltà nel comprendere che possano decidere di infastidirmi senza che io abbia fatto loro nulla, dell'assoluta ottusità del mio cervello che non riesce a formulare risposte altrettanto subdole, della mia voglia di portare sempre tutto alla luce, troppo alla luce, di svelare i meccanismi dietro i rapporti con le persone sbagliate alle persone sbagliate, del tentativo destinato a fallire miseramente di rapportarmi a tutti in maniera cristallina, del mio problema atavico di porgere il fianco a chi è armato, del mio problema, di me, di mia madre, che poi è un'ottima madre e con cui non ho più problemi, almeno credo, della figura femminile che sognavo da bambina, mezza mentore mezza strega, che si ripropone, cui fa male ripensare, dell'incepparsi della favella, dell'impossibilità di dire con la voce quello che potrei dire scrivendo, pensando, della scelta di destinare sempre meno tempo al pensiero, di ottenebrare la mia mente più di quanto quest'epoca non faccia già, stordendoci, stordendomi con informazioni su tutto, macinando date, nomi, biografie, dimenticando ogni cosa un attimo dopo averla letta, della volontà di non soffrire, perché per risolvere le cose si deve pensare, perché il pensiero è dolore, del fatto che prima o poi la dovrò smettere di far così e difatti eccomi.

lunedì 4 luglio 2016

Festa della Bruna 2016: lo "strazzo" del carro trionfale

Festa della Bruna 2016. In questo video l'attesa della folla in piazza Vittorio Veneto e poi lo "strazzo", strappo o sfascio, che dir si voglia, del carro trionfale da parte degli assaltatori.



"Matera ospita ogni anno i festeggiamenti in onore della Madonna della Bruna, protettrice della città: fra le varie processioni e sfilate si svolge quella del carro trionfale di cartapesta che, dopo aver attraversato le strade della città lucana e raggiunto una delle piazze del centro, viene preso d’assalto dalla folla dei fedeli e letteralmente fatto a pezzi, finché non ne resta più niente. Questo rito collettivo ricorda ai materani che qualsiasi creazione umana, dalle chiese ai carri trionfali, potrebbe essere migliore di quella che è. Ogni anno viene costruito un carro più bello, e ogni anno esso viene distrutto, perché la perfezione sfugge sempre agli sforzi dell’uomo, a prescindere dalle capacità e dall'ispirazione. Matera conosce la perseveranza. Conosce l’impulso a completare ciò che non potrà mai essere completato.

[Michael Cunningham]

martedì 28 luglio 2015

Officine Ludike: il posto giusto per chi ama fumetti e giochi da tavolo



In anteprima il mio ultimo servizio per il Quotidiano della Basilicata. 

Stavolta accompagno i web-spettatori oltre l'insospettabile soglia di Officine Ludike
In apparenza un garage come tutti gli altri, in realtà un mondo a parte, fatto di fumetti (circa 5000), action figure, miniature, giochi da tavolo e di carte collezionabili, in pieno centro a Matera. 
Date un'occhiata al video e finirete col fargli visita. Si trova in via Festa n°6 bis.

lunedì 20 luglio 2015

''Onda Libera'': a Scanzano Jonico il primo lido confiscato alla mafia



17 luglio 2015. Apertura al pubblico dello stabilimento "Onda Libera", ex "Lo Squalo Beach". Dalla criminalità organizzata, che la utilizzava per traffici illeciti, la spiaggia passa in gestione a una cooperativa sociale, Onda Libera, che, assieme a Unione Italiana SPort per tutti, ne farà un luogo di aggregazione per i giovani del territorio e di promozione dei valori della legalità. Interviste al sindaco di Scanzano, Salvatore Iacobellis, al vicedirettore nazionale di Libera, don Marcello Cozzi, e ai rappresentanti di Libera, Onda Libera e Uisp presenti alla giornata inaugurale.

giovedì 16 luglio 2015

Policoro, 15 luglio 2015. Il racconto del #notrivday


Ecco il mio resoconto della manifestazione "No alle trivelle nel mar Ionio" di ieri, 15 luglio 2015, sul lungomare di Policoro. In questo 'speciale' racconto le contestazioni e, nella prima parte, riporto le interviste ai cittadini presenti e a Luca Braia, assessore regionale all'Agricoltura, Gianni Rosa, consigliere regionale, Marcello Pittella, presidente della Regione Basilicata, Rocco Leone, sindaco di Policoro, e Maurizio Bolognetti, in rappresentanza dell'associazione Radicali Lucani. Tante voci diverse suggeriscono che c'è bisogno di approfondire il tema "Basilicata e petrolio". È quello che intendo fare prossimamente, con l'aiuto dei tecnici che lavorano a stretto contatto con il cosiddetto 'oro nero'.

giovedì 9 luglio 2015

Basilicata e petrolio: voci pro e contro - Prima parte



Il primo di una serie di video che intendo realizzare su petrolio e Basilicata. In questo racconto il Corso di formazione ambientale 2015 per giornalisti, promosso dalla Rai e dall'Unibas, raccolgo le voci del presidente di Confindustria, della rettrice dell'Università della Basilicata, dei giornalisti interessati all'ecosostenibilità. In chiusura, lo sciopero della fame del sindaco di Policoro, Rocco Leone e l'annuncio della manifestazione di piazza contro le trivelle che si terrà il 15 luglio proprio a Policoro.

giovedì 7 agosto 2014

Troppe cose

Non scrivo su questo blog da circa 10 mesi.. ne sono successe di cotte e di crude. Riassumendo: ho iniziato a lavorare. Chiaramente si tratta sempre di lavori a tempo stra-determinato e pagati di rado, che però richiedono un enorme dispendio di energie mentali e psicologiche. Un pochino anche fisiche, altrimenti, considerando tutto il tempo che passo seduta davanti a un pc, sarei diventata obesa.
Allegherò qualche foto per rendere l'idea del mio inverno 2013 e della mia primavera 2014.
L'estate non è ancora pervenuta perciò non ne parlerò.


Eccomi, serissima, in giacca grigia e diosolosaqualevecchiotailleur, a lezione 
(Campus Mentis, Torino, dicembre 2013)


Sorriso smagliante e awkward, che dovrebbe rendere l'angoscia delle decine di colloqui sostenuti


Cose varie di quando mi ero messa a vendere roba usata su Facebook


Foto emblematica del mio stage di 6 mesi da "Mentelocale". 
Ritornerò sull'argomento, e sulle foto emblematiche..


Tre immagini dal Servizio Civile Nazionale che svolgo, da aprile, c/o l'ufficio "Informagiovani"


Il mio primo articolo per "Goa Magazine"


Lo staff di "Goa Magazine" alla Fiera Internazionale della Musica


Due momenti dalla trasferta di "Informagiovani" al Goa Boa Festival


La giornata trascorsa ad attendere l'arrivo della Concordia nel porto di Voltri

TO BE CONTINUED...

venerdì 18 ottobre 2013

Siori e siore, ecco a voi la redazione di "Uncò Mag"!


Tadaan. 
Storico incontro in quel di Verona tra editore e redattori da tutta Italia. Mi trovate -supersmiling- a sinistra della ragazza subito sotto il n° civico.

martedì 8 ottobre 2013

Novità dal fronte interviste

È uscita l'intervista agli ideatori del brand genovese di magliette, e non solo, "Sort of looser", Antonio Augeri e Matteo Balza. 


Potete leggerla qui: 

sabato 28 settembre 2013

Le mie interviste per "Uncò Mag"

Gentili webspettatori,
non aggiorno il blog da un po' perché sono stata dietro a un nuovo progetto di cui sono entusiasta: dal 1° settembre intervisto giovani creativi, per il momento genovesi, per "Uncò Mag - Interviste online a chi si è inventato un lavoro".
L'impegno è tanto, perché i creativi vanno stanati, convinti con qualche moina a collaborare.. e poi c'è l'incontro, le fotografie, le chiacchiere, tutte rigorosamente registrate e, al contempo, vergate a mano, perché non si sa mai con la tecnologia.
Infine, a casa, c'è il lavoro più grande ma anche più divertente: la sbobinatura dell'audio e la riscrittura in forma di vera e propria intervista. In effetti è la parte che preferisco perché concede anche a me un momento di creatività. :)
Ad oggi, ho intervistato Matteo Agnoletto, il giovanissimo direttore de "Il Politicometro", e Paolo Trombetta, uno degli imprenditori del team "Free FuTool".
Potete leggere queste prime due interviste seguendo questi link:

1) MATTEO AGNOLETTO / POLITICOMETRO www.uncomag.com/interviste/matteo-agnoletto-politicometro/



2) PAOLO TROMBETTA / FREE FUTOOL www.uncomag.com/interviste/paolo-trombetta-free-futool/



Vi aggiornerò quando sarà pubblicata la nuova intervista a cui sto lavorando sui ragazzi di "Sort of looser", marchio tutto genovese di magliette in stile surf.
Stay tuned.

mercoledì 4 settembre 2013

Ahinoi.. i colloqui non finiscono mai!

Settembre è iniziato ed ecco che tutti i nodi vengono al pettine, le ansie al petto, e così via. È tempo di candidature online per chi è alla ricerca di un lavoro, di preparare gli esami per chi ancora ne ha, di consegnare incartamenti.. L'estate è andata, insomma, c'è chi l'ha vista col binocolo ma ormai è fatta.
Non a caso a settembre sono spesso colta da una simpatica "depressione stagionale" - si chiama così quel senso di 'spossatezza prima ancora di alzarsi dal letto' tipico dell'autunno. Nonostante inizi ad avvertire i primi sintomi di questa 'infelicità a tempo', sto provando a non farci caso e a darmi da fare, come il mese di settembre richiede. 
In questi giorni ho affrontato tre diversi colloqui e inviato un'infinità di candidature. 
Il primo* era una sorta di truffa. Ancora non mi è chiaro se lo scopo era illudere una marea di persone desiderose di lavorare nel marketing o se servirsi dei dati raccolti all'ingresso per fingere un gran numero di associati con qualche azienda partner. Ad ogni modo: NON SIETE DEGNI di sopravvivere.. sul mercato. 
Il secondo colloquio era già più interessante ma è probabile che me lo sia giocato parlando di un tirocinio imminente che mi terrà impegnata 4 ore al giorno.. peraltro non sono più così sicura che partirà. 
Il terzo era per una famosa compagnia assicurativa che mi ha contattata di sua sponte. Ci sono andata vestita di tutto punto e per km ho cercato un fotografo che si degnasse di farmi una fototessera, sudando come un maiale. Ecco un altro aspetto ameno di settembre: fa ancora caldo ma i colloqui li fai in giacca, deh, se non altro per sentirti dire, come mi è successo: "Complimenti per come si presenta, signorina Colandrea." Grazie assai, mi ci pagherò la prossima spesa con questa lusinga. 
Comunque, lavorare come consulente previdenziale non credo faccia per me. Mi si accappona la pelle al solo pensiero. Ho scoperto di essere alquanto choosy ma forse è normale. Ho studiato otto anni fuori casa e Dio solo sa quanti soldi hanno sborsato i miei perché sopravvivessi altrove e studiassi giornalismo ed editoria. 
A giudicare dalle offerte di lavoro online, nel mondo c'è bisogno solo di venditori, a tutti i livelli: centralinisti, standisti, porta a porta, consulenti. Ognuno tenta di farsi bello denigrando l'altro ma il succo della faccenda è lo stesso: si tratta di vendere e io non sono né portata né interessata, per il momento. Voglio lavorare nel mio settore, non voglio arrendermi subito, anche se la tentazione c'è, perché sarebbe bello mettersi due soldi in tasca e uno da parte..



- La sala d'attesa Ikea, apparentemente messa in piedi dalla sera alla mattina, dell'azienda n°1 -

* Ho dedicato il mio articolo settimanale per "Inside Marketing" a questo infelice colloquio. Leggete e moltiplicate le condivisioni QUI

sabato 24 agosto 2013

TripAdvisor dal punto di vista dei ristoratori

Mangiando e bevendo, in Umbria ho avuto modo di meditare sul portale di viaggi TripAdvisor. 
Le osservazioni cui sono giunta sono raccolte qui, nel mio ultimo articolo per ''Inside Marketing''!


martedì 20 agosto 2013

Articolo n°2 per "Inside Marketing"!

Stavolta ho pensato bene di raccontare la mia esperienza "fallimentare" con Emozione3..
Buona lettura (seguendo questo link)!

martedì 6 agosto 2013

Il mio primo articolo per "Inside Marketing"


Dal 1° agosto, siccome non so stare senza far niente e sono già passati più di venti giorni dalla laurea, collaboro con un magazine online (per la gloria). Ogni settimana pubblicherò un articolo sul digital marketing. Il primo, che potete leggere QUI, racconta l'impresa delle due facce qui sopra (Claudio di Biagio e Luca Vecchi). Ovvero, una campagna di crowdfunding che ha come obiettivo la realizzazione di un fan-movie su Dylan Dog. Non so voi, ma io non vedo l'ora di vederlo.

lunedì 29 luglio 2013

"Zacinto mia" - Una città è fatta innanzitutto di persone e muore se queste la abbandonano

Mi accodo agli articoli seguiti al primo intervento del dibattito sul futuro di Matera

Matera di qui, Matera di lì, Matera di su, Matera di giù..
Come molti altri, sono una materana che ha studiato a lungo fuori sede e che, tuttora, pur avendo tentato senza troppa convinzione di restare, ha scelto la via più “semplice”: partire ancora.
Amo la mia città e a volte bastano quei due-tre caffè che pago in centro, quando ci sono, perché la mia coscienza si plachi, convinta di aver contribuito all’esistenza di Matera in vita, alla sopravvivenza della sua economia. Il peccato da cui quei pochi euro non mi assolvono di certo è quello di essermene andata.
Credo che un po’ tutti noi fuorisede ci sentiamo  colpevoli nei confronti di Matera, specie quando leggiamo le parole dure di chi è rimasto e forse ha più voce in capitolo di noi.
Il mio semplice contributo al dibattito vuole essere un invito a tornare per chi crede di potercela fare. In fondo, per quella che è la mia esperienza, la vita a Matera è meno dispendiosa e meno caotica di quella in un’altra città ics da Roma in su. E, a chi potrebbe ribattere che è meno dispendiosa e meno caotica perché ha meno da offrire, rispondo d’anticipo che si tratta di una caratteristica della nostra città, quella della placidità, che forse può non piacere a tutti in tutti gli stadi della vita ma che prima o poi si ricerca.
A mio avviso torneremo, con o senza il mio appello, perché Matera ci chiama, ci manca, e torneremo a maggior ragione se dovesse chiamarci in soccorso, qualora dovesse malauguratamente avverarsi la catastrofe, vagheggiata da alcuni, solo teorizzata da altri, della sua “fine”.

Sabrina Colandrea


NB: Da oggi (31/07/2013) il mio contributo è anche sul Quotidiano della Basilicata, precisamente qui!